Nelle sottili distinzioni che utilizziamo per chiarire l'approccio legato al recupero delle funzioni, grande importanza riveste la riabilitazione.
Dopo un evento traumatico, ci occupiamo di recupero funzionale e chinesiterapia passiva e attiva .
Opportunamente guidato e coscienziosamente condotto, il paziente esegue un programma di mobilizzazione, rinforzo, stabilizzazione e autonomia attraverso uno specifico e progressivo percorso terapeutico personalizzato e guidato dal fisioterapista.
La rieducazione motoria, quale terapia del movimento, mira a ristabilire la normale funzionalità muscolare, miofasciale, articolare e di coordinazione del movimento di uno o più arti e, di conseguenza, di tutto il corpo.
E' indispensabile in caso di interventi chirurgici sia come preparazione che come riabilitazione ed é utilissima nel trattamento delle patologie a carattere neuro-motorio.
La rieducazione motoria sta assumendo un ruolo sempre più importante in campo preventivo e sportivo inoltre, sedentarietà e stress, portano a una perdita di conoscenza del proprio corpo e delle proprie abilità motorie alimentando alterazioni posturali, che, in base agli studi di psiconeuroendocrinoimmunologia, equivalgono alla perdita della salute.